mercoledì 12 novembre 2014

Tutti con Armandino: Un Calcio alla Malattia.


Campionato di Lega Pro, Girone C, allo Stadio Arechi di Salerno la Salernitana si prepara ad affrontare l’ostico Catanzaro. Una partita come tante, un Sabato di Sport che però assume un significato particolare e mi consente di raccontarvi la Buona Notizia di oggi.

Poco prima del fischio d’inizio, il Capitano dei Granata Manolo Pestrin, scende in campo con in braccio il piccolo Armandino, un giososo e vitale bambino di 6 anni affetto dal Sarcoma di Ewing (un tumore delle ossa) che sta coraggiosamente lottando contro la sua malattia. (per approfondire).



Il piccolo Armandino e la sua battaglia sono stati “adottati” dalla Salernitana e dai suoi tifosi (che ad esempio la scorsa settimana hanno organizzato un evento di solidarietà con raccolta di fondi destinata alle cure mediche del bambino), ma quello che volevo sottolineare è la catena di affetto che sta attraversando le Curve e le tifoserie di tutto il Meridione.

Chi segue il Calcio (ed anche chi non è interessato spesso lo trova in prima pagina per notizie di risse, scontri, agguati tra gruppi ultras) sa bene che spesso tra opposte tifoserie i rapporti non sono del tutto cordiali, anzi, spesso e volentieri purtroppo esistono enormi rivalità campanilistiche che rendono una partita di pallone un evento a rischio.

Basti solo come esempio ricordare la sospensione “imposta” dai tifosi della Nocerina di un derby Salernitana - Nocerina, con gli Ultras che hanno “convinto” con minacce di morte i calciatori della loro squadra a non scendere in campo contro i “nemici” 

Al contrario, la solidarietà verso Armandino sta rompendo muri ancestrali di inimicizia e sta avendo la forza di unire tifosi di opposte barricate verso una (giustissima) causa comune.

L’ingresso in campo di Armandino è stato applaudito dai tifosi del Catanzaro, quelli della Reggina hanno proposto alla loro società di devolvere l’incasso alle cure mediche del piccolo, striscioni di solidarietà per Armandino sono arrivati dalle Curve di Benevento, Bari, Monopoli, dal Savoia (Torre Annunziata), dalla Casertana …. E siamo solo all’inizio!



Sarebbe bello se Armandino divenisse il Simbolo di un Calcio Solidale, di uno Sport capace di unire e non di dividere, di un momento di svago e di festa e non di scontri e tensioni.
Se da tifoso della Salernitana il mio augurio è di vedere i Granata in Serie B, il vero augurio che faccio e che spero possa essere condiviso da tanti, è che Armandino possa vincere la sua partita contro il Sarcoma di Ewing.


Mario Scelzo.

Post Scritum. Chiunque volesse sostenere Armandino e la sua famiglia può effettuare un versamento, queste sono le coordinate:

IBAN IT 53 M 01005 76090 000000001369
BNL BATTIPAGLIA
INTESTATO A SAMANTA MAGLIO.


Nessun commento:

Posta un commento