mercoledì 20 maggio 2015

100 Volti Contro lo Spreco

Riceviamo e volentieri pubblichiamo un articolo relativo allo spreco alimentare ed alle buone pratiche che ogni cittadino può attuare per ridurre lo spreco di cibo, un vero scandalo di fronte a tanta gente che muore di fame. Sottolineamo il valore di una riflessione del genere in contemporanea con l'Expo 2015 che ha come titolo "Nutrire il Pianeta, Energie per la vita". Lascio la parola a Virginia Invernizzi.

Lo spreco alimentare è un problema poco discusso nell'opinione pubblica, ma è una delle spie più visibili delle contraddizioni del nostro sistema produttivo che, nell'ambito agroalimentare, crea prodotti che per il 30% vengono buttati nella spazzatura e non consumati. 



Lo spreco si genera in tanti punti della catena agroalimentare : dai campi (troppo spesso i prodotti vengono comprati a prezzi talmente bassi che ai produttori non conviene raccoglierli), ai supermercati (nessuno compra un prodotto che scade il giorno dopo e così molti prodotti finiscono per marcire sugli scaffali), fino alle nostre tavole. 
Questa situazione può essere corretta su vari fronti e ci sono già diverse buone pratiche, come quelle promosse da Slow Food ed il progetto 'Buon Fine' di Nova Coop, che raccoglie prodotti in via di scadenza e li dona alle mense ed alle strutture per i bisognosi. 
C'è poi chi sta lavorando a livello normativo per incentivare la lotta allo spreco,come il viceministro Andrea Olivero, che coordina presso il suo ministero, quello dell'agricoltura e dell'alimentazione, un tavolo che si pone fra i suoi obbiettivi fornire sussidi alimentari adeguati ai meno abbienti anche facilitando le donazioni alimentari ai più poveri. 



Tuttavia è fondamentale che si mobilitino anche i cittadini, responsabili fra l'altro dello spreco domestico, e soprattutto i più giovani, ad esempio attraverso la campagna social, promossa da Slow Food e Nova Coop, #100volticontrolospreco: facendosi una foto con uno slogan contro lo spreco o con il logo della campagna, possono partecipare ad un concorso per i prossimi volti di una campagna che le due associazioni porteranno avanti insieme. 
Partecipiamo tutti per dare un segnale di attenzione, perché lo spreco di cibo è anche spreco di risorse e di lavoro: il suo recupero per aiutare i più deboli dovrebbe essere doveroso, quindi è importante metterci la faccia e che qualcuno cominci a farlo é certamente una buona notizia!

Virginia Invernizzi

Nessun commento:

Posta un commento